La settimana della musica a scuola e la ormai tradizionale giornata di festa nel Cortile della Minerva si celebrano quest’anno all’insegna di una vera novità: una legge dello Stato (107/2015), insieme ad un  D.Lvo 13 aprile 2017, 60 statuiscono che nella scuola italiana TUTTI gli studenti devono imparare la musica. Può sembrare non verosimile, e c’è forse taluno cui non sembra vero; anche se la cosa è testimoniata persino dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica.

Le norme citate non cadono nel vuoto: da anni l’attività progettuale delle scuola, ancorché finora in forma non curricolare, ha posto in essere un’ampia produzione musicale della più varia natura ad opera degli studenti Un’attività meritoria ma facoltativa. Ora, però, è giunto il momento di dare corso anche formale alla nuova prescrizione  legislativa (un obbligo per tutte le istanze istituzionali della scuola) e di integrare in tal senso il curriculum dei discenti. Non è un compito semplice, né breve, ma un vero e proprio compito per tutti. E’ soprattutto un compito di alta cultura, volto a coniugare insieme arte e funzione educativa, finora quasi inedito in questo paese: rendere cioè i discenti protagonisti della propria crescita intellettuale, non solo impegnando nello studio la ragione e il sapere, ma anche stimolando la propria creatività artistica. Nasce un’altra scuola, finalmente, anche in Italia.

Il primo giugno si esibiranno nel cortile ministeriale, come è stato finora, i gruppi musicali costituiti in vari istituti , che sono stati premiati per aver realizzato qualificate attività di musica a scuola in quanto studenti. Vogliamo dedicare la manifestazione di quest’anno alla grande novità legislativa ed al significato che essa assume per la valorizzare la dignità artistica degli studi nel nostro paese.

Per questo sono lieto di invitarvi alla tradizionale manifestazione, che si svolgerà,  nell’ambito della settimana della musica a scuola, il giorno 1 giugno 2017 dalle ore 9.30 alle ore 13.00,  nel cortile della Minerva del palazzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca.

La Manifestazione, organizzata dal Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti e dalla Direzione Generale dello Studente, l’Integrazione e  la Partecipazione, è un importante appuntamento della Scuola e dell’Amministrazione scolastica per riaffermare il valore che la musica ricopre nella qualità della formazione di tutti i giovani. Con l’ occasione avremo modo di presentare alla Ministra Valeria Fedeli  le azioni e i progetti che il Comitato per l’apprendimento pratico della musica sta attuando in favore della “musica per tutti”.

Durante la manifestazione si esibiranno alcuni gruppi musicali e verranno premiati cori giovanili, orchestre, docenti e giovani compositori  provenienti da scuole di diverse città italiane, vincitori del Concorso  Nazionale  “Indicibili (In)canti”.

Vogliamo dedicare la manifestazione di quest’anno alla grande novità legislativa – introduzione obbligatoria dell’apprendimento musicale ex legge 107/2015 e D.Lvo 13 aprile 2017, 60 –  ed al significato che essa assume per la valorizzare la dignità dell’esperienza artistica e musicale nella scuola del  nostro Paese.

Saranno presenti anche i Maestri  Peppe Servillo, Danilo Rea, Rosario Giuliani, Paolo Damiani.